musil

RimettiamociInMoto: la raccolta fondi del musil è un successo

Grazie alla generosità di privati e aziende la nuova Sala delle Sfere del Museo dell'Energia Idroelettrica di Cedegolo diventerà realtà entro fine primavera.

Per la prima volta il museo è ricorso a un nuovo strumento per aumentarne la sostenibilità dei propri progetti. La sfida di conquistare risorse tramite la raccolta fondi si è conclusa con un bilancio positivo, sia in termini economici che di visibilità.

La campagna RimettiamociInMoto, creata per rinnovare la Sala delle Sfere di Cedegolo dove è ospitata la spettacolare videoproiezione sul ciclo dell'acqua, ha superato l'obiettivo di 600 euro, richiesto dal bando di Fondazione Comunità Bresciana.

La raccolta fondi è arrivata a quota 2.895,00 euro, una cifra importante per migliorare ulteriormente il nuovo spazio espositivo.

In tanti hanno risposto all'appello lanciato sui giornali e sui social contribuendo con generosità alla causa e diventando, a tutti gli effetti, testimoni del museo. Ad essi sarà dedicata una nuova sezione del sito Amici del musil e i loro nomi saranno ricordati nella futura Sala delle Sfere.

I ringraziamenti di Giovanni Tampalini, Vicepresidente esecutivo della Fondazione musil, vanno a tutti coloro che hanno aderito all'iniziativa e, in particolare, a Levico Acque, Associazione Gruppo Volontari Baita Adamè, ASBorsoni, Fedabo, Newcos, PM Impianti, Aglio e Oglio, Ergon Commercialisti e al Club Federmodellistico di Brescia.

Si apre così una stagione che mette al centro dell'azione culturale il legame tra il Sistema musil e i suoi pubblici, con gli obiettivi di coinvolgere il visitatore in modo attivo, di elevarlo a "co-creatore" di un'esperienza unica, e di valorizzare la ricchezza del patrimonio conservato, preservandolo per le future generazioni.

« Torna all'elenco delle news