musil

Il male della polvere: storia e storie dei minatori in Valle Camonica nel secondo dopoguerra

Nel secondo dopoguerra, in Valle Camonica, l’industria idroelettrica diede avvio ad un nuovo ciclo di investimenti, che avrebbe portato all’apertura di grandi cantieri e all’assunzione in massa di manodopera. Fu in questo frangente che un numero elevato di lavoratori respirò la polvere che all’interno dei loro polmoni divenne in seguito, repentinamente in alcuni casi, molto meno in altri, silicosi.

La progressiva diffusione della malattia suscitò all’inizio degli anni sessanta la prima documentata inchiesta giornalistica sulla silicosi nel bresciano, il primo congresso medico tenuto in Valle.

La silicosi non è una malattia professionale esclusiva dei minatori, ed anche in Valle Camonica non colpì solo i lavoratori del settore idroelettrico. Però è soprattutto questa esperienza ad essere rimasta nella memoria. Osservato a partire dall’esperienza dei lavoratori il caso in esame appare un esempio di grossolana sottovalutazione dei rischi, di carenza della prevenzione, da prendere in esame in relazione al contesto storico di riferimento. I testimoni non mancano mai di citare in testa ai loro racconti il bisogno, la fame di lavoro e salario, che portava ad accettare qualsiasi occupazione e condizione di lavoro.

Nell’ambito del progetto “MusIL: nuovi spazi per la sicurezza”, la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Brescia e la Fondazione Musil hanno promosso una ricerca storica sui lavoratori dell’industria idroelettrica in Valle Camonica, con l’obbiettivo di portare materiali e idee utili a riflettere sull’apertura di una sezione museale sul tema della sicurezza nel lavoro.

I risultati della ricerca verranno presentati in un seminario dal titolo "Il male della povere: storia e storie dei minatori in Valle Camonica nel secondo dopoguerra", che permetterà di tornare sulla storia dei “minatori” e della silicosi per osservarla in relazione al contesto più ampio dei fattori e istituzioni che contribuiscono a definire il campo della sicurezza occupazionale e della sua cultura. Il seminario intende sviluppare in particolare i seguenti punti:

  • l’industria idroelettrica e il lavoro in Valle Camonica;
  • il lavoro di galleria, la professionalità, i rischi professionali, la prevenzione;
  • la medicina del lavoro e la silicosi: conoscenze sulla malattia e diffusione delle stesse, interazione tra medicina e mondo del lavoro;
  • il riconoscimento della malattia e le pensioni: patronati, Inail;
  • la rappresentazione dei minatori: foto, canzoni.

Il seminario, organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Brescia e da Fondazione musil, in collaborazione con il Musil - Museo dell'Energia Idroelettrica di Cedegolo, con il patrocinio di ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro – Sede provinciale di Brescia), CESMER (Centro Studi sul Mercato del lavoro e sulle Relazioni collettive – Università degli studi di Brescia), Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università degli Studi di Brescia, con il patrocinio e il contributo di CGIL – CISL (Valle Camonica-Sebino), Comune di Cedegolo e INAIL Brescia, si terrà il giorno venerdì 13 maggio 2011 a partire dalle ore 09.30 presso la Sala Conferenze del Comune di Cedegolo, in piazzale Roma 1 a Cedegolo (Brescia), e nel pomeriggio dello stesso giorno a partire dalle ore 15.00 presso la Sala conferenze del Museo dell’Energia Idroelettrica di Vallecamonica, in via Roma 48 a Cedegolo.

Il programma del seminario prevede:



PRIMA SESSIONE
Sala conferenze del Comune di Cedegolo
Piazzale Roma 1, Cedegolo
Ore 09.30

  • Saluti
    Andrea Pedrali, Sindaco del Comune di Cedegolo
  • Presentazione
    Pier Paolo Poggio, direttore della Fondazione musil - Museo dell’Industria e del Lavoro Eugenio Battisti di Brescia
  • Il lavoro nell’industria idroelettrica
    Mimmo Franzinelli, storico - Cinzia Arzu, dottoranda dell’Università degli Studi di Bergamo
  • I minatori in Valle Camonica nel secondo dopoguerra
    Gianfranco Quiligotti, assegnista dell’Università degli Studi di Brescia e collaboratore musil
  • Mal da lavoro: la medicina del lavoro e la silicosi nella storia contemporanea
    Francesco Carnevale, medico del lavoro, Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Università degli Studi di Firenze
  • Memorie di polvere
    Testimonianze di lavoratori
  • I minatori cantano il rischio: infortuni e malattie professionali nelle canzoni di repertorio
    Sandra Boninelli – Lab 80


SECONDA SESSIONE
Sala conferenze del Museo dell’Energia Idroelettrica di Vallecamonica
Via Roma 48, Cedegolo
Ore 15.30

  • La silicosi in Patronato
    Alessio Bertoli, Patronato Inca, Brescia-Valle Camonica
  • Il riconoscimento della malattia professionale
    Alfonso Pellitteri, medico del lavoro, Inail, Regione Lombardia
  • La malattia professionale e il diritto penale
    Luca Masera, ricercatore dell’Università degli Studi di Brescia
  • L'obbligo di sicurezza tra vecchi e nuovi rischi
    Francesca Malzani, ricercatrice dell’Università degli Studi di Brescia
  • Dibattito


  • La rappresentazione del lavoro nelle foto dell’epoca
    Visita alla Mostra fotografica
  • day after day
    Videoinstallazione di Francesca Conchieri
  • Anteprima dell’esposizione aperto_LaQua
    Giorgio Azzoni


In allegato la locandina del seminario.

« Torna all'elenco delle news