musil

"Lettera a E." visitabile per tutto il mese di novembre

Il musil - museo dell'energia idroelettrica di Cedegolo ha prodotto"Lettera a E." un'installazione di Lorenzo Apolli e Piero Villa.


Immagini dal fronte, una lettera di un giovane militare. Per una memoria parallela, nel Centenario del Milite Ignoto.


Nel corso della Grande Guerra un'immagine ritorna spesso nelle parole dei soldati che tentano di descrivere la loro condizione, è quella del naufragio. In una pagina di diario, scritta all'inizio del 1916 sulla linea di confine ai 3.000 metri di quota, leggiamo: «Non vedere un albero, un fazzoletto di terra, non un fiore, né un tetto di paglia, o un villaggio: per giorni e giorni avere addosso soltanto l'occhio degli elementi; di notte la luce di irraggiungibili stelle. Siamo perduti come naufraghi, più vicini a Dio che agli uomini». Lettera a E. si propone di esprimere con la stessa semplicità la domanda di senso che è contenuta in questo frammento. A cosa ha potuto aggrapparsi, dentro di sé, nell'orizzonte solitario dei 3.000 metri, chi ha avuto la sorte di sopravvivere al naufragio? Nelle parole, nelle espressioni, nei gesti, nello stare di quei giovani uomini, esistono indizi utili a comprendere quale è stata la ragione che li ha sostenuti? Soffermandoci sugli scritti e sulle immagini che di loro ci restano, sono questi gli interrogativi che ancora una volta ci spingono a tentare di stabilire con loro, naufraghi di un altro tempo, una particolare forma di dialogo — l'unica possibile, da un capo all'altro dei cento anni che ci separano.


L'installazione sarà visitabile per tutto il mese di novembre.


Per info e prenotazioni: + 39 342 84 75 113 / cedegolo@musilbrescia.it

« Torna all'elenco delle news